RELAZIONE ANNUALE AMIANTO
27 gennaio 2018
Difficoltà nello smaltimento rifiuti: incontro di Assorecuperi con l’AD di A2A
8 marzo 2018

CONTINUA L’INSANA FOLLIA DEL SISTRI

Sul Supplemento Ordinario n. 62 alla Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29 dicembre 2017 è stata pubblicata la legge n° 205 del 27 dicembre 2017 “Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2018 e bilancio pluriennale per il triennio 2018-2020”.

Tra i 1181 commi il 1134 riporta la proroga al 31 dicembre 2018 della moratoria sulle sanzioni operative del Sistri previste dalla legge n. 125 del 30 ottobre 2013. Interessante inoltre notare come al successivo comma 1135 venga prevista dopo l’art. 194 del D.Lgs 152/2006 l’ulteriore articolo 194-bis riportante Semplificazione del procedimento di tracciabilità dei rifiuti e per il recupero dei contributi dovuti per il SISTRI, prodigandosi nel definire come recuperare i soldi da parte dei contribuenti morosi.

Ancora una volta quindi il Governo tiene duro sulla Norma tanto discussa e singolare, inesistente nel resto dell’Europa, che avrebbe, perlomeno negli intenti, avuto lo scopo di semplificare e dare maggiore tracciabilità alla gestione dei rifiuti. Non a caso un improbabile senso di sopita vergogna ha spinto anche a modificare il termine semplificazioni con il meno presuntuoso ottimizzazione.

Di fatto dopo quasi dieci anni di dimostrata inattività anche l’individuo meno evoluto dovrebbe ammettere il disastroso fallimento di questo sistema che fino ad oggi non ha fatto nient’altro che prelevare inappropriatamente dalle tasche dei gestori di rifiuti un contributo per un sistema (servizio) che non è mai entrato a regime e che si è dimostrato totalmente inutile. Evidentemente l’assoggettabilità degli Italiani ad accettare ormai incondizionatamente cotanta iniquità, fornisce il giusto pretesto per continuare ad imporre gabelle che ricordano in tutto e per tutto quanto da parte dei signorotti avveniva nel lontano Medio Evo.

Quindi la Saga SISTRI continua, mascherata dietro ad una poco credibile attività di governo nell’occultare un modo alternativo di tassare le imprese che operano nel vero interesse di questa povera Italia.

                                                                                                                                                                                                         Pietro Succol

                                                                                                                                                                            Succol srl – Sistema Ambiente per le Imprese                                                                                                                                                                          

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *